Archivi categoria: Storie

La mia proverbiale sfortuna….

Già.

Decido di tornare alla reflex, decido di andare su full frame e parto in quarta. Non senza sacrifici, acquisto una fiammante D610, dopo aver studiato per un bel po’ di tempo le alternative, una delle quali, la Canon EOS 6D, è rimasta in lotta con la Nikon fino all’ultimo.

Parto con il Nikkor 50mm f/1.8, con l’intenzione di usare più lenti fisse possibile e qualche zoom economico per capire le focali che più mi si addicono…

Comincio a scattare….

Fantastico !

…MA

….inizio a notare problemi di messa a fuoco del cinquantino. Mi autocostruisco un set per la taratura delle lenti e, sebbene con una precisione non da laboratorio, noto che ci sono problemi di front focus.

Uffa.

E pazienza, compenso con la regolazione fine dell’AF che la D610 consente, ma non è ottimale per tutte le aperture e per ogni condizione di luce. Pazienza, mi dico…..ma pazienza un casso ! E’ nuova, possibile ?

Il dubbio che il problema di messa a fuoco non sia solo dell’obiettivo mi continua a ronzare nella testa, nel frattempo.

E POI

il colpo di grazia ! Scatto numero 600, f/8, nel cielo noto un alone ! Noooooooooo !

Mi balzano subito alla mente le immagini delle D600 con difetto all’otturatore, la D610 doveva essere la riparazione al danno da parte di Nikon, cerco su internet e…..nooooooooo 😦

Sembra che alcune D610 abbiano un problema simile….

Vuoi che io sia così sfortunato ? Scatto su foglio (quasi) bianco a f/16 con fuoco a infinito ed ecco il risultato (click per ingrandire):

Disastro atomico
Disastro atomico – foto con regolazioni varie per mettere in risalto le macchie

Macchie concentrate in alto a sinistra, di forma circolare, probabilmente di origine liquida….olio ?????

Corro a guardare le foto fatte prima e scopro che alla numero 200, prima uscita fotografica con gli amici, c’è già ben visibile una macchia, nonostante sia solo a f/8.

Ottimo. 😦

Non ho mai cambiato l’obiettivo, solo montato il cinquantino, in casa, con attenzione. Impossibile sia entrato sporco….

Brava Nikon ! >:-(

CILIEGINA SULLA TORTA

La macchina fotografica e l’obiettivo sono import Japan (lo so, però purtroppo i soldi non li fabbrico e la differenza di prezzo è ENORME), Nital non può intervenire, ovviamente. I signori del sito on-line dove l’ho acquistata, a parte qualche affermazione poco chiara, mi hanno sempre servito bene e mi incoraggiano a mandarla al loro centro riparazioni (Dear Camera di Roma).

La faccio breve.

Dear Camera imputa lo sporco sul sensore a non corretto utilizzo da parte mia (quindi non passa in garanzia), mentre riscontra effettivamente il difetto di messa a fuoco sull’obiettivo (che passa in garanzia).

Ora, a parte il nervoso, decido di pagare la pulizia, ma faccio presente al venditore che non concordo sulla diagnosi. Però è la mia parola contro quella di un centro autorizzato.

La macchina la rivoglio indietro e, quindi, pago, ma in situazione diversa mi sarei comportato in altro modo.

Avrei fatto periziare la macchina da LTR a pagamento, per confrontare la diagnosi. Se anche LTR avesse ritenuto lo sporco sul sensore non imputabile a difetto del corpo macchina, avrei tentato la strada del D.Lgs 24 art.1519 bis del 02/02/2002, che, ad un certo punto, recita che sono da ritenersi difetti di conformità anche quelli causati da un’errata installazione da parte del cliente del prodotto acquistato, quando questo preveda un’installazione. Ancora di più quando, come nel mio caso, il prodotto non sia corredato da manuale….

Sarebbe da indagare, ma avendo installato l’obiettivo, sporco penetrato durante l’operazione può essere annoverata tra i problemi di installazione del prodotto ? Secondo me, c’è una buona probabilità che la risposta possa essere considerata affermativa.

Comunque, concludendo, ora aspetto la mia D610, sperando che non si ripresenti il difetto dello sporco sul sensore. Dovesse accadere di nuovo, questa volta le cose andranno in modo diverso (supersgrunt!)….

Però, di cuore, mi auguro tutto si sia risolto così….

A presto !

Aggiornamento del 11/6

La macchina è rientrata.

Il problema di messa a fuoco sembra risolto.

Lo sporco sul sensore è stato pulito……IN PARTE !!! >:-(

Sono rimaste delle macchie in basso a sinistra (nella stessa posizione di prima dell’intervento) e in altre zone. Molte meno, ma il sensore è tutt’altro che pulito.

Complimenti Dear Camera…e ho pure pagato!

Vi risparmio i commenti e le frasi che mi vengono in mente….ora utilizzo per un po’ la fotocamera….poi, vedremo !

Uffa !

Da reflex a bridge…..e ritorno

Una mini-storia, estrema sintesi, della mia esperienza con le fotocamere.

Le mie primissime foto risalgono a parecchia anni fa, quando esistevano le compatte Agfa e Kodak (rigorosamente ed esclusivamente a pellicola) delle quali spesso i genitori dotavano i figli che andavano alle gite scolastiche più “importanti”.

Dopo quel periodo, in cui si scattava spesso anche solo ad un sentiero (bastava che fossero immagini che carpivano in qualche modo l’attenzione), passai a foto più “serie”, per le quali venni dotato da mio padre della preziosissima compatta di famiglia. Una fotocamera scuola, di quelle rigorosamente manuali, obiettivo 50mm fisso ed esposimetro a lancetta (che si faceva prima ad occhio, una volta presa la mano).

Era la mitica Voigtländer Vitoret DR

Quante soddisfazioni e che scuola con questa piccolina !

Scattavo soprattutto negativi, inizialmente. Poi, man mano che cresceva l’esperienza, passai alle diapositive, in modo da non dipendere troppo dalla stampa, soprattutto per quanto riguarda contrasto e colori.

La mia prima macchina fotografica “seria” arrivò un bel po’ di anni dopo, finalmente acquistata con le mie finanze. Dopo qualche ragionamento sulla marca (all’epoca presi in considerazione Contax, Nikon, Canon e Pentax), mi decisi e acquistai una fiammante Nikon F80, con i due zoom sacri: 24-70mm f/2.8 e 70-200mm f/2.8.

Era quello che potevo permettermi, anche se lasciai il cuore sulla Contax 167MT.

Comunque, mi feci delle ottiche di tutto rispetto, che, se ci penso ora, mi mangio le mani ad averle date via.

Scattai migliaia di foto, 99% diapo, finché gli impegni iniziarono ad aumentare, i viaggi erano sempre più in compagnia e le valigie sempre più numerose.

Iniziò a diventare un problema portarsi dietro tutto il corredo fotografico, che aveva il suo bel peso e ingombro, e iniziò a farsi sentire anche la spesa per lo sviluppo dei sempre più numerosi scatti…

Stiamo parlando di circa 15 anni fa. Iniziavano ad affermarsi le prime fotocamere digitali.

Fu così che, per i motivi di cui sopra e per la mia sempre viva curiosità tecnica, decisi di vendere tutto e passare ad una compatta digitale, una bridge….la mia prima bridge.

Si trattava della Nikon Coolpix 5700, che aveva un prezzo esagerato, per la macchina che è (alla luce della tecnologia odierna), ma che all’epoca era una valida fotocamera.

Non mi sembrava vero….scattare all’infinito (compact flash permettendo), vedere l’immagine finale già nel mirino, avere uno zoom equivalente a 7kg di vetri per la reflex in 512 grammi (ovviamente non sto parlando di qualità, ma di “inquadratura”), schermo LCD posteriore orientabile, ecc, ecc….

Per anni ho scattato con questa compatta, che mi ha dato numerose soddisfazioni, anche in stampa (fino a 20×30).

Poi si cresce e si diventa più esigenti :-). Gli anni della fotocamera si fanno sentire e iniziano a diventare sempre meno tollerabili i difetti, il peggiore dei quali è la lentezza: in tutto, dalla messa a fuoco al tempo scatto-scatto.

Decisi così di progredire e iniziai ad acquistare delle compattine tascabili da viaggio, che già avevano prestazioni migliori della 5700, ma che non potevano scattare in RAW e non avevano un corpo simile ad una reflex.

Finché, nel 2013, ho trovato la bridge definitiva (per me, ovviamente). La grandissima Panasonic Lumix DMC-FZ200.

Di questa piccola grande bridge posso dire solo bene. Ottica Leica (e si vede, checché ne dicano i detrattori), zoom fantastico e veloce 25-600mm f/2.8 (35mm equi.), ottima definizione, velocità da reflex entry level nella messa a fuoco e scatto-scatto, AF preciso, ecc….

Ci ho fatto fantastiche foto e, anche per quanto concerne il rumore del sensore, non ho mai avuto problemi, almeno fino ad ISO 800. Ma, magari, il tema bridge lo tratterò più approfonditamente in un altro breve articolo…

E quindi ? Tutto perfetto !

Più o meno….

Come al solito si va avanti, si migliora e capita che le tue foto inizino a piacere ed inizi ad esserci la necessità di stampare a dimensioni notevoli. Poi capita di voler usare diaframmi chiusi per foto particolari e non poter salire sopra f/8. Oppure di volere quei bei grandangoli deformanti da effetti speciali. E poi….la profondità di campo.

La cosa che più manca alle fotocamere con sensore piccolo è la (ridotta) profondità di campo, che fornisce alle foto quell’aspetto da foto “vera”.

Mi ero detto che se mai fossi passato ad una reflex digitale, questa doveva essere esclusivamente una full frame. E le full frame sono arrivate. Ma erano care, troppo care per un non-fotografo di professione. E poi gli anni passano e sono arrivate le full frame entry level.

Già.

E così, dopo oltre 15 anni, il passo: Nikon D610 (in onore dei vecchi tempi, anche se la Canon EOS 6D mi ha sfrucugliato fino all’ultimo). Reflex again e full frame (fa quasi rima 🙂 ). Ora si capisce perché prima ho scritto che mi mangiavo le mani ad aver dato via gli obiettivi che avevo con l’F80……certo che mai avrei pensato, un giorno, di avere tra le mani una digitale pieno formato.

Ora, comunque, c’è. Sono tornato alla reflex e sono tornato nikonista. L’utilizzo….è come andare in bicicletta, una volta imparato non si scorda mai. Sono solo un po’ arrugginito con esposizione e messa a fuoco/composizione, abituato al mirino elettronico e all’immensa (in confronto) profondità di campo, ma recupero in fretta….

A presto.